La livella 2.0 – Mi scusi Principe per lo scippo.

Category, Standard

‘A livella 2.0

Piccolissime variazioni sul tema

Ogn’anno, il due novembre, c’è l’usanza per i defunti andare al Cimitero.

Ognuno ll’adda fà chesta crianza; ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn’anno, puntualmente, in questo giorno, di questa triste e mesta ricorrenza,

anch’io ci vado, e con dei fiori adorno il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza.

St’anno m’é capitato ‘navventura… dopo di aver compiuto il triste omaggio

(Madonna!) si ce penzo, che paura! ma po’ facette un’anema e curaggio.

‘O fatto è chisto, statemi a sentire: s’avvicinava ll’ora d’à chiusura:

io, tomo tomo, stavo per uscire buttando un occhio a qualche sepoltura.

“Qui dorme in pace il nobile Presidente signore di Arcore e nun solo,

ardimentoso eroe di mille imprese , fine umorista e grande dicitore”

Bondi e Apicella, incosolabili deposero.

We love food

‘O stemma cu ‘o biscione ‘ncoppa a tutto… …sotto ‘na croce fatta ‘e parrucchino

tre mazze ‘e sorde cu ‘na lista ‘e lutto: cannele, cannelotte e sei lumini.

Proprio azzeccata ‘a tomba ‘e ‘stu signore nce stava ‘n ‘ata tomba piccerella,

abbandunata, senza manco un fiore; pe’ segno, sulamente ‘na crucella.

E ncoppa ‘a croce appena se liggeva: “Esposito Gennaro – magistrato”:

guardannola, che ppena me faceva stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! ‘ncapo a me penzavo… chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!

Stu povero maronna s’aspettava ca pur all’atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo ‘stu penziero, s’era ggià fatta quase mezanotte,

e i ‘rimanette ‘nchiuso priggiuniero, muorto ‘e paura… nnanze ‘e cannelotte.

Tutto a ‘nu tratto, che veco ‘a luntano? Ddoje ombre avvicenarse ‘a parte mia…

Penzaje: stu fatto a me mme pare strano…Stongo scetato… dormo, o è fantasia?

Ate che fantasia; era ‘o Presidente: cu ‘e tacche sotte e’ scarpe, ‘duje avvocate e Scilipote;

chill’ato apriesso a isso un brutto arnese; tutto fetente e cu ‘a Costituzione mmano.

E chillo certamente è don Gennaro…’omuorto puveriello…’o magistrato.

‘Int ‘a stu fatto i’ nun ce veco chiaro: so’ muorte e se ritirano a chest’ora?

Putevano sta’ ‘a me quase ‘nu palmo, quanno ‘o Presidente se fermaje ‘e botto,

s’avota e tomo tomo… calmo calmo, dicette a don Gennaro:

“Giovanotto! Da Voi vorrei saper, vile togato, con quale ardire e come avete osato

di farvi seppellir, per mia vergogna, accanto a me che sono mascarato!

La casta è casta e va, sì, rispettata, ma Voi perdeste il senso e la misura;

la Vostra salma andava, sì, inumata; ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso la Vostra vicinanza puzzolente,

fa d’uopo, quindi, che cerchiate un foro tra i vostri pari, tra la vostra gente”.

“Signor Presidente, nun è colpa mia, i’nun v’avesse fatto chistu tuorto;

mia moglie è stata a ffa’ sta fesseria, i’ che putevo fa’ si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento, pigliasse ‘a casciulella cu ‘e qquatt’osse

e proprio mo, obbj’… ‘nd’a stu mumento mme ne trasesse dinto a n’ata fossa”.

“E cosa aspetti, oh turpe laureto, che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?

Se io non fossi stato un titolato avrei già dato piglio alla violenza!”

“Famme vedé… piglia ‘sta violenza…’A verità, Presidé, mme so’ scucciato

‘e te senti; e si perdo ‘a pacienza, mme scordo ca so’ muorto e so sentenze!…

Ma chi te cride d’essere… nu ddio? Ccà dinto, ‘o vvuo capi, ca simmo eguale?…

…Muorto si’ tu e muorto so’ pur’io; ognuno comme a ‘na’ato è tale e qquale”.

“Lurido porco!… Come ti permetti paragonarti a me ch’ebbi natali

illustri, nobilissimi e perfetti, da fare invidia a Principi Reali?”.

“Tu qua’ Natale… Pasca e Ppifania!!! T”o vvuo’ mettere ‘ncapo… ‘int’a cervella

che staje malato ancora e’ fantasia?… ‘A morte ‘o ssaje ched”e?… è una livella.

‘Nu rre, ‘nu maggistrato, ‘nu grand’ommo, trasenno stu canciello nun è ccchiù niente

c’ha perzo tutto, ‘a vita e pure ‘o nomme: tu nu t’hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò, stamme a ssenti ‘na vota tanto… nun fa’ ‘o restivo, suppuorteme vicino – che te ‘mporta?

 

Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive: stu mò si finalmente serio perché appartiene a’ morte!”.

3 Comments

  1. Mr. Themelovin Rispondi

    Suspendisse aliquam turpis et diam iaculis, eu porttitor orci euismod. Pellentesque suscipit quis ante quis dictum.

  2. John Doe Rispondi

    Cras eget augue vitae sapien pretium suscipit. Vestibulum et risus velit. Quisque ante libero, tempor a massa a, consectetur egestas mi. Morbi tellus diam, congue sed porttitor quis, rutrum ut elit. In molestie lobortis est, ut consequat nisi convallis sit amet.

  3. Mr. Themelovin Rispondi

    Integer ac maximus ligula. In non elit elit. Proin id sagittis ex. Suspendisse potenti. Donec venenatis varius aliquet. Mauris facilisis ipsum nisl, vel sollicitudin massa hendrerit sollicitudin. Curabitur eget lectus a magna maximus bibendum nec ut purus. Curabitur a neque placerat, mattis orci eu, euismod nibh. Sed ornare ullamcorper accumsan. Cras tempus lobortis luctus. Praesent maximus sollicitudin consectetur.

    North WordPress Theme by Themelovin, Elite ThemeForest Author.